Stampa questa pagina

I Paesi Bassi ratificano la Convenzione SKA

La Convenzione dell’Osservatorio SKA è stata firmata il 12 marzo 2019 dai rappresentanti dei governi di (da sinistra a destra nella foto) Regno Unito, Cina, Portogallo, Italia, Sudafrica, Paesi Bassi e Australia.

L’Aia, Paesi Bassi, 19 agosto 2019 – I Paesi Bassi sono diventati il primo paese a ratificare la Convenzione dell’Osservatorio SKA, che istituisce SKA come organizzazione intergovernativa incaricata di costruire e gestire il più grande radiotelescopio del mondo.

La Convenzione è stata ratificata dal parlamento olandese prima della pausa estiva, e oggi è arrivata la conferma che gli atti di ratifica sono stati accettati dal Foreign and Commonwealth Office del Regno Unito, il depositario della Convenzione.

Processi di ratifica simili sono attualmente in corso negli altri sei paesi che hanno firmato la Convenzione a Roma il 12 marzo 2019: Australia, Cina, Italia, Portogallo, Sudafrica e Regno Unito. La Convenzione entrerà in vigore quando cinque firmatari, compresi i tre ospitanti (Australia, Sudafrica e Regno Unito), avranno ratificato il testo e presentato i loro strumenti di ratifica al depositario.

Nei Paesi Bassi, la preparazione scientifica e tecnica per SKA è stata coordinata da ASTRON, istituto facente parte dell’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica (NWO). Il Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza rappresenterà i Paesi Bassi nel nuovo Osservatorio SKA.

Descrivendo SKA come un progetto “innovativo”, Ingrid Van Engulshoven, ministro in carica dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza, ha affermato: “Stiamo investendo 30 milioni di euro nel progetto, e questo investimento produrrà occupazione, attività per l’industria e conoscenza per la nostra società, per esempio nei campi dell’informatica e dell’energia sostenibile. I Paesi Bassi rafforzeranno anche la loro posizione di leader nella scienza a livello mondiale”.

ASTRON gestisce diversi SKA pathfinder, in particolare il Low Frequency Array (LOFAR), che stanno contribuendo alla progettazione e allo sviluppo di SKA. Le istituzioni olandesi sono state anche coinvolte in otto dei 12 consorzi internazionali di progettazione ingegneristica di SKA.

“Sono molto contento che i Paesi Bassi siano il primo dei nostri paesi partner ad aver ratificato la Convenzione dell’Osservatorio SKA”, ha aggiunto Prof. Philip Diamond, direttore generale di SKA. “Questo rafforza lo slancio all’interno di SKA. Ci aspettiamo la piena ratifica della Convenzione il prossimo anno, e l’inizio della costruzione tra circa 18 mesi”.

Leggi di più sul sito web di ASTRON.